Blog

Mio primo Transalpin Run 2012

Ziel Einlauf Kitzbühl TAR 2012

Come ti viene l'idea di fare una corsa così lunga?

Su un noto portale di video clips cercavo trailers per sport estremi che mi hanno sempre interessato. Mi sono imbattuto nella Marathon des Sables e nel sopramenzionato Transalpine Run. Qualcuno (Neil Rhodes) ha fatto una citazione alla telecamera: “La vita è come una moneta. Possiamo spenderla come vogliamo. Ma possiamo spenderla una volta sola.” È un ottimo modo per vivere le nostre vite. (org. (org. Lillian Dickson “Life is like a coin. You can spend it any way you wish, but you only spend it once. That is a great way to spend life”).         Sono stato immediatamente entusiasta e mi sono detto: un giorno voglio fare quella corsa!

Passò un po ‘di tempo e ho iniziato a cercare un corridore pazzo simile a me che voleva fare assieme a me questa corsa di 8 giorni. Potete immaginare che a quel tempo era molto più difficile di oggi, adesso che il trail running è ormai noto a tutti. Dopo molte ricerche infruttuose, ho finalmente incontrato Alfred P. ad un barbecue, una persona con i miei stessi interessi. Abbiamo iniziato a parlare di corse in montagna. Mi disse che un suo amico aveva già fatto questa corsa e che voleva intraprenderla anche lui. Ora che avevo finalmente trovato qualcuno che voleva realizzare lo stesso sogno, ho iniziato ad avere dubbi e paure. Non ero più sicuro di poterlo fare, al tempo erano 320 km e 15.000 metri di altitudine. Quindi mia moglie ha preso le redini in mano e ha detto: “Hai parlato per così tanto tempo che vuoi fare questa gara e ora che hai trovato qualcuno ti tiri indietro? Ora partecipa alla corsa, altrimenti ne parlerai per sempre! “

Lo stesso giorno sono andato da Alfred, che viveva non lontano da me nello stesso paese e gli ho riferito la mia decisione. Abbiamo deciso di partecipare alla gara e abbiamo iniziato ad allenarci individualmente.

I giorni sono volati e abbiamo fatto anche lunghe corse insieme. Sfortunatamente continuavo a slogarmi la caviglia, un fatto che mi impediva di correre in discesa. Dopotutto, ero dell’opinione che una corsa in montagna dovesse essere intrapresa solo in salita, perché in discesa andrebbe tutto automaticamente.  Un brutto errore del quale mi sono amaramente pentito al TAR. Quindi il giorno X si avvicinò sempre di più. La slogatura l’avevo sotto controllo con i nastri kinesiologici. L’attrezzatura era pronta, solo non mi intendevo bene con i bastoni, inciampandoci in continuazione, così che in realtà li portavo sempre per cosí dire a passeggio. Non importa, pensai tra me, ne avró bisogno solo in caso di emergenza – almeno questo era il piano.

Il giorno era finalmente arrivato e ho salutato la mia famiglia ingrandita di recente.

Alfred e io eravamo sulla linea di partenza a Ruhpolding tra tutte le persone che avevano lo stesso nostro sogno. Era una strana sensazione pensare a tutti i giorni a venire, sapendo di correre una maratona fino in fondo ogni giorno con tutti quei metri di dislivello. Ma presto ci siamo resi conto che non eravamo soli e rapidamente abbiamo stretto amicizia con alcuni dei nostri compagni di lotta.

Non importa da quale nazione venga la gente, qui puoi vedere che a tutti piace stare all’ aria aperta e semplicemente correre. Non è una corsa dove uno corre contro l’altro, ma é piuttosto una cooperazione: sembra una grande famiglia di trail running. Tutti chiedono all’altro come sta e se ha bisogno di aiuto. Ti motivi a vicenda, sei felice e soffri con gli altri. Penso che sia uno dei motivi che rendono il TAR così speciale. Un sentimento di appartenenza che è molto forte e che non puoi sfuggire e forse anche che crea dipendenza. Ora penserai che questo qua sia completamente pazzo quando dico che si diventa dipendente di un attraversamento delle Alpi a piedi in 8 giorni, con muscoli doloranti, ogni giorno con dolore nelle parti più strane del corpo, forse anche vesciche e altri disturbi, pioggia e talvolta attraverso la neve, semplicemente inconcepibile per chiunque non abbia mai fatto qualcosa di simile.

Ma non sono andato così lontano, almeno quasi.

Il primo giorno ho notato, nonostante le mie buone condizioni fisiche, che, rispetto agli altri, ero molto lento quando correvo in discesa. Dovevo letteralmente frenare, almeno così mi sembrava. Uno dopo l’altro mi superava in discesa e questo mi deprimeva molto e allo stesso tempo mi sforzavo enormemente. Alfred doveva aspettarmi in modo che la distanza fra noi non fosse troppo grande. L’ultimo pezzo era in pianura verso St. Johann e non ero in grado di seguire Alfred. Gli ho consegnato tutta l’attrezzatura superflua che portavo con me nello zaino per accelerare e dopo una linea retta apparentemente infinita ho visto l’arco d’arrivo. Devo dire che ero abbastanza sfinito per il primo giorno.

Il secondo giorno era il compleanno di Alfred che ha iniziato felicemente con una torta di compleanno improvvisata. I muscoli duri delle gambe sono stati dimenticati per un momento e non vedevo l’ora di intraprendere il nuovo tragitto. La salita era davvero bellissima e ci ha mostrato le diverse sfaccettature del Wilder Kaiser (catena montuosa). Tuttavia, ho sempre notato un pizzicore e intorpidimento nel mio piede destro e ho sempre pensato che forse avevo allacciato la scarpa troppo stretta. Per questo continuavo a fermarmi per allacciarmi nuovamente la scarpa. Mi ha completamente infastidito. Tuttavia, continuavamo per arrivare a Kitzbühel. Questo finale lo associo a sentimenti molto belli perché Alfred e io abbiamo armonizzato molto meglio quel giorno. Tuttavia, quel giorno avevo qualcosa da lottare con me stesso e il piede e ho ricevuto consigli da altri corridori esperti che hanno cercato di calmarmi. Tuttavia, non ho davvero trovato la pace di cui avevo bisogno quella notte.

Ziel Einlauf Kitzbühl TAR 2012

Il terzo giorno ero entusiasta della prima salita. Questa era ripida sul leggendario Streif sull’Hahnenkamm e sono rimasto molto colpito dal fatto che gli sciatori abbiano il coraggio di scendere questa pista. Qui ho incontrato un altro corridore molto simpatico di nome Reinhard W. L’ho sempre notato in altri punti del percorso, ma ve ne parlerò più avanti.

Nonostante le difficoltà, inizi davvero a parlare di Dio e del mondo e stringi le migliori amicizie. È difficile da credere, vero? Bene, hai davvero molto tempo per pensare e hai davvero a che fare con te stesso e i tuoi problemi. Sfortunatamente, ero ripetutamente escluso dai miei pensieri da un dolore lancinante che mi attraversava il ginocchio. Nell’ultima discesa il dolore è diventato insopportabile e ho dovuto usare i bastoni per scendere. Non sapevo piú cosa fare. Avevo appena finito con le difficoltà degli ultimi giorni e le notti insonni. Non riuscivo a fare mente locale con le tante esperienze e impressioni dopo la gara. Con il dolore, non potevo più controllare i miei sentimenti e ho iniziato a piangere. Continuavo a cercare di motivarmi o distrarmi, ma non ci riuscivo. In un minuto ero motivato, nell’altro ho iniziato ricominciare a piangere perché avevo paura che la gara fosse finita per me a questo punto.

 

Non era davvero uno spettacolo bello vedermi così. In qualche modo sono arrivato al traguardo a Neukirchen.  Ero cosí sfinito che Alfred mi ha suggerito di provare a tenere sotto controllo il dolore alle gambe con acqua ghiacciata del pozzo. Con moderato successo. Quel giorno avevamo un hotel stupendo con una piscina e tutti gli extra, ma non ero dell’umore giusto per godermelo e il resto della giornata stavo sdraiato a letto pensando su come andare avanti. Anche i fisioterapisti, con i quali avevo sviluppato una buona amicizia perché venivano giorno per farmi un massaggio, avevano molti consigli. Avevo una brutta sensazione e anche l’insonnia mi stava causando problemi. Neanche quella notte sono riuscito a trovare riposo.

Il giorno dopo sarei finalmente tornato a casa mia in Alto Adige passando per le cascate Krimmler attraverso la Forcella del Picco. Era una motivazione speciale per me alzarmi così presto la mattina. Il piede faceva molto male ed era difficile entrare nelle scarpe da corsa bagnate. Il piede era duro e intorpidito sin dai primi passi. Ma la volontà di tornare in Alto Adige era più forte. I primi chilometri mostrarono che sarebbe stata una giornata molto lunga. Ad ogni passo sembrava che qualcuno stesse colpendo lo stinco con un martello. Un dolore davvero atroce che mi accompagnava ad ogni passo e che non mi faceva pensare ad altro. L’unica cosa che mi ha spinto era il pensiero della mia famiglia, che desideravo vedere il più presto possibile, ma che probabilmente sarebbe durato piú a lungo. Anche Reinhard, che normalmente correva dietro di me con la sua compagna Maria, mi raggiunse e vide che non sarebbe finita bene per me. Mi ha rallegrato e ha continuato con la sua corsa. Alfred, che correva sempre dietro di me per prendersi cura di me, venne dalla mia parte. Mi disse che non poteva più guardarmi zoppicare così tanto dolore. Gli ho detto che se alla fine fosse diventato più ripido, sarebbe stato meglio, anche se sapevo che non era vero. Tuttavia, l’ho mandato a correre al suo ritmo e ad aspettarmi al prossimo checkpoint.

Il resto della salita non lo ricordo più esattamente e penso che sia meglio così. Nel punto più alto della Birnlücke a 2650 m finalmente sono arrivato in Alto Adige e mi sono sentito più leggero, almeno nel cuore. Durante la discesa, in una capanna, mi sono imbattuto di nuovo in Alfred, che mi stava aspettando con un tè caldo. Non avevo nemmeno notato che era diventato molto freddo, quindi l’ho accettato con gratitudine. Alla fine della quarta tappa di oggi abbiamo attraversato una bellissima valle verde leggermente in pendenza coperta di prati alpini. A questo punto, dissi ad Alfred che fosse meglio correre ancora lo stesso giorno verso Prettau. Il dolore non migliorerebbe comunque, quindi dovremmo terminare la corsa il prima possibile. In qualche modo sapevo che questi sarebbero stati i miei ultimi metri in questa competizione. Ma qualcosa in me diceva che ancora oggi sarei stato sorpreso. E così è successo. Alla fine ero così esausto e stanco, ma cosa ho visto? Mia moglie e mio figlio di 6 mesi hanno intrapreso un lungo viaggio con mia suocera per salutarmi. Ero così commosso nel rivederli e li ho presi tra le braccia. Mia moglie vide immediatamente che qualcosa non era in ordine e l’ho confermato con grande dolore.

Sono andato direttamente dall’equipaggio medico. Il dottore vide immediatamente di cosa si trattava e mi spiegò che la Transalpine Run probabilmente era troppo presto per me. Ma dovrei andare in ospedale per sicurezza per farmi esaminare la gamba. Non riuscivo a credere che tutta la formazione e la privazione che avevo sopportato per un lungo periodo non avevano servito a nulla.

Per me era incomprensibile. Non ero ancora pronto per questo. Ma tutti quelli con cui ho parlato mi hanno detto la stessa cosa che avrei potuto partecipare di nuovo l’anno prossimo, ma questa volta per me la gara era finita. La mia famiglia voleva portarmi a casa immediatamente, quindi siamo andati dritti all’ospedale di Brunico per far vedere bene il piede. La diagnosi era una sindrome da stecche dello stinco dovuta ad un uso eccessivo. E con ciò, era ufficiale e sigillato. Dovuto lasciare la gara. Ma non riuscivo ancora a capire, afferrare, capire. Era come un brutto sogno. Ho riferito la brutta notizia alla mia famiglia. Ma non potevo proprio tornare a casa con loro adesso perché dovevo finire il tutto con me stesso. Ho dovuto dire addio alle persone che avevo incontrato in questo momento molto intenso. E così la mia famiglia mi ha lasciato andare di nuovo a malincuore, con la mia promessa di tornare a casa in treno il giorno seguente. Così ho ripreso il bus successivo fino alla fine della valle, a Prettau, alla festa della pasta, dove erano rimasti tutti gli altri partecipanti. Dissi ad Alfred e agli altri della mia sventura e della mia decisione di arrendermi. Ero davvero triste, ma le persone care che ho conosciuto mi hanno dato il coraggio di riprovare. Quella notte mi sono addormentato nella stanza della pensione sfinito dal dolore.

Il giorno successivo, il piumone che era stato ritirato rivelava la nuda realtà. Il piede era così gonfio fino al ginocchio e rosso fuoco che era impossibile negare l’infortunio. Non riuscivo neanche a mettermi la scarpa e così sono scivolato nelle infradito. Me ne fregavo e così sono andato a fare colazione e ho iniziato a respirare le ultime ore d’aria del TAR e dire addio a tutto. Ho parlato con tutti quelli che avevo incontrato in questi giorni.

Quindi anche con Reinhard e la sua meravigliosa famiglia, Gisela e Raphael, che mi hanno promesso che ci saremmo sicuramente rivisti. Un incontro fatidico, che all’epoca non conoscevamo. Ma ho subito notato che c’era qualcosa di speciale fra di noi e che avrebbe ricoperto un ruolo importante nella mia vita. Ho fatto l’autostop con una ragazza islandese che stava accompagnando una squadra alla tappa successiva a Sand in Taufers, per guardare dietro le quinte e dire addio al resto della gente, compresi i fisioterapisti del Outdoor Physio Team e gli organizzatori del PLan B Event. Poi ho preso il treno e sono tornato a casa. Qui la mia famiglia mi stava attendendo amorevolmente e sono riuscito a finire con la Transalpine Run.

Per ora 😉.

 

(Sinistro é Neil Rhodes chi ha detto le parole magiche per me alla video quando ho deciso di fare il Transalpine Run)

 

 

“Life is like a coin. You can spend it any way you wish, but you only spend it once”

 

 

 

 

 

E qui sotto la video originale che ho visto !

Lord-Jens-Kramer-12

Lord Jens Kramer

Nato il 23 maggio 1979, attualmente residente nella località di Collepietra (BZ) Alto Adige a 850 metri sul livello del mare. Padre di famiglia felice e due meravigliosi bambini.

Bloggerei.de blogwolke.de - Das Blog-Verzeichnis
Torna su